Seleziona una pagina

Tocchiamo un tasto dolente per la sottoscritta, oggi: come da titolo, sembra essere cosa risaputa oramai che gli italiani non leggono.
Io, che sono sempre stata una lettrice sin dalle scuole elementari, non riesco a stare senza un libro da leggere; eppure mi rendo conto che, anche per questo motivo, sono stata sempre considerata una “strana”.

È davvero così strano, per gli italiani, leggere un libro? A quanto pare è proprio così.
Secondo l’Istat, nel 2014 la percentuale di lettori italiani è scesa al 41%. Più della metà degli italiani non apre mai un libro.

C’è chi dice che non ha tempo, che leggere è noioso… e tutto questo, lo dico candidamente: mi fa un po’ ridere.
Perché se ci pensate bene, passiamo intere giornate leggendo… senza rendercene conto, forse.
Siamo sempre incollati al pc (per lavoro, ma anche per passare il tempo), agli smartphones e ai tablet… e cosa facciamo davanti a questi schermi? Leggiamo.

Sì, ma leggere i post su Facebook non è noioso come leggere un libro; e poi per leggere un libro ci vuole un sacco di tempo, risponderanno alcuni.

Provate a pensare a quanto tempo avete speso inutilmente a leggere (concedetemelo) stupidaggini su Facebook, Twitter o su qualsiasi altro social. Sicuramente saranno molte più ore di quelle necessarie a leggere un libro medio, di trecento o quattrocento pagine.

E per quanto riguarda la noia, ci sono libri per tutti i gusti: ormai si scrive di tutto e di più.
Molti dicono non mi piace leggere senza averci nemmeno provato. Date una possibilità a questi poveri libri: lo sapete che, probabilmente, molti dei vostri film preferiti sono stati tratti proprio da un libro? Non saranno poi così male, questi mostri cartacei, se ispirano i registi. 😉

E se non vi piace l’idea del “noiosissimo” libro di carta che vi fa sentire come se foste tornati a scuola, optate per il formato digitale ebook… che fa un “po’ meno libro”. E si può leggere da pc, tablet e smartphone.
Ma non dite che non vi piace leggere: perché leggete ogni giorno, anche nel vostro tempo libero.

Dovete solo provare a lanciarvi in letture un po’ più lunghe e strutturate di quanto non sia un tweet o un sms: magari scoprirete che in realtà leggere non è così male, o imparerete qualcosa di utile… anziché andare a letto con la preziosissima informazione che la vostra amica ha fatto apericena e ha messo la foto su Facebook. 😉

 

morgana-firma

Pin It on Pinterest

Share This