Clicca qui per ingrandire la mappa

 

Sono felicissima di presentarvi finalmente la mappa del mondo da me creato: Irsvendall.
Già che ci sono, vorrei spendere due parole riguardo la creazione di mondi alternativi e tutto ciò che si cela dietro un tale processo che, credetemi, sembra facile… ma non lo è per niente!

Tracciare una mappa, sin dall’inizio della stesura di “Il Mondo Caduto“, si è rivelato un passaggio fondamentale: nonostante si tratti di un racconto fantasy, non si può lasciare tutto alla mercè della fantasia. Sono necessari calcoli e proporzioni esatte, per stabilire in quanto tempo i personaggi arrivano dal punto A al punto B; e senza una mappa ciò non è possibile. Pertanto ho tracciato di mio pugno una (orribile) mappa iniziale, giusto per regolarmi sulle tempistiche dei vari spostamenti misurando i centimetri con il mio misero righello e facendo la conversione in miglia.

All’inizio c’erano solamente i luoghi da cui passavano i personaggi, e gradualmente il paesaggio si è arricchito geograficamente: catene montuose, colline, pianure, paludi nebbiose, fiumi e molto altro.

Ora potete vedere la versione bellissima e photoshoppata della mappa… molto diversa dalla mia bozza che sembrava disegnata da un bambino dell’asilo!
La mappa è un planisfero: ciò che vedete è tutta la superficie di Irsvendall, che è grande più o meno quanto la Luna, ovvero circa un quarto rispetto alla Terra. Si tratta di un pianeta molto particolare, un pò strampalato e che probabilmente non potrebbe nemmeno esistere nel nostro Universo. Ma se esiste in certe bizzarre condizioni, un motivo c’è… ma non ve lo dico, potrete scoprirlo leggendo il libro. 😉

Le zone oscurate della mappa sono regioni ancora inesplorate dalla nostra protagonista, che ho voluto lasciare avvolte dal mistero; all’uscita del secondo libro scoprirete nuove regioni di Irsvendall.

Ne approfitto per ringraziare tutti coloro che mettono a disposizione di tutti contenuti grafici gratuiti, grazie ai quali noi autori emergenti e squattrinati possiamo donare ai nostri mondi un aspetto gradevole anche se non siamo in grado di disegnare. Un particolare ringraziamento va StarRaven e Calthyechild, due utenti della community di DeviantArt che hanno messo gratuitamente a disposizione di tutti i loro pennelli per Photoshop.

E ora, con la mappa sotto mano, correte a leggere Il Mondo Caduto! 😉

Pin It on Pinterest

Share This